Sintomi influenzali cosa fare?

Se ti stai attingendo a leggere questo articolo è perché forse anche tu sei costretto a letto con l’influenza. Il freddo e le cattive giornate non fanno altro che peggiorare la situazione e la poca voltonta di restare fermi nel letto ci spinge a dover ricorrere ai ripari sin da subito. Chi di noi non ha mai avuto un sintomi influenzali? Cosa sono e come si manifestano e quanto tempo durano?

I sintomi del influenza si manifestano attraverso una malattia infettiva acuta, fortemente contagiosa, una malattia capace di colpire le vie respiratorie superiori ed inferiori, caratterizzata da sintomi come la febbre, la tosse, il mal di gola ed un malessere generale che colpisce tutto l’apparato muscolo scheletrico.

Come si prende l'influenza?

Se ti stai chiedendo come si prende l’influenza sappi che non esiste nulla di più semplice. L’influenza è scaturita da un virus, ovvero dei microrganismi appartenenti alla famiglia degli Ortomixoviridiae. I microorganismi influenzali, a loro volta si distinguono in tre categoria e si sviluppano in altrettante tipologie di malattie:

  • influenza di tipo A la più comune;
  • influenza di tipo B;
  • influenza di tipo C poco diffusa;

La differenza tra queste tipologie di influenza, risiede nella frequenza con cui i microrganismi subiscono il cambiamento nella struttura esterna del capside ovvero del acido nucleico contenuto al interno del virus, che a sua volta altera il sistema immunitario, rendendolo incapace di combatte i virus e batteri attraverso la produzione di anticorpi.

Solo i virus appartenenti all’influenza di tipo A sono soggetti a variazioni strutturali antigeniche, che a loro volta si suddividono in due categorie, variazioni antigeniche maggiori e variazioni antigeniche minori. Le variazioni antigeniche minori mutuano ogni 2-3 anni e sono seguite da piccole epidermidi, in quanto gli anticorpi presenti al interno del nostro organismo, sono ancora parzialmente protetti verso il il virus, mentre le variazioni antigeniche maggiori avvengono in un lasso di tempo particolarmente lungo, che generalmente si estende tra i 10 ed i 20 anni, creando delle estese pandemie che possono interessare intere popolazioni.

Ciò accade in quanto gli anticorpi presenti all’interno del nostro organismo non sono protetti. E’ proprio questo il motivo per cui le pandemie influenzali dovute all'antigenica maggiori possono portare a migliaia di decessi. A differenza dei virus di tipo A i virus di tipo B possono portare solo variazioni antigeniche minori, mentre quelle di tipo C hanno un cambiamento omogeneo.

La grande variabilità antigenica, per i virus di tipo A spiega il perché, ogni inverno ci ritroviamo a combattere con l’influenza, alla quale il nostro organismo deve in continuazione abituarsi.

Come viene trasmessa l’influenza?

Generalmente l’influenza viene trasmessa in modo diretto per via aerea, mediante minuscole gocce di saliva che vengono emesse attraverso la tosse, attraverso gli starnuti o ancora più semplicemente attraverso la conversazione, tutto ciò avviene in modo ancor più significativo e rimarcato quando il contatto si ha in luoghi chiusi e piccoli. Inoltre può essere trasmessa anche in modo indiretto, ciò accade in quanto il virus ha delle ottime capacità di resistenza, e può vivere all’esterno del organismo anche per ore, specialmente in particolari condizioni climatiche. Freddo e bassa umidità permetto al virus di poter sopravvivere per diverse ore, al contrario muoiono velocemente quando si trovano a contatto con il calore, da raggi UV e dai disinfettanti.

I tempi di incubazione sono particolarmente brevi, e possono variare da poche ore, fino a tre-quattro giorni. Sono caratterizzati da una sintomatologia aspecifica, caratterizzata da sintomi di freddo, febbre che può variare da moderata a molto elevata, una intensa cefalea, e dalla perdita di appetito. Immediatamente alla comparsa del virus influenzale subentrano problemi legati alle vie respiratorie, che provocano rinorrea, starnuti, lacrimazione, tosse prima secca e poi generalmente con carattere espettorato.

In alcuni casi a questi sintomi si aggiungono delle manifestazioni in grado di colpire il tratto gastrointestinale, attraverso nausea, vomito e diarrea colpendo principalmente i più piccoli. Fortunatamente, l’influenza generalmente ha un percorso di tipo benigno che viene risolto positivamente nel arco di 1 settimana, e che generalmente lascia sul nostro corpo, segni di spossatezza che può durare da pochi giorni a qualche settimana.

Spesso l’influenza si complica a causa, di infezioni batteriche, ciò avviene in quanto i virus, influenzali tendono a distruggere le cellule della mucosa respiratoria, favorendo la penetrazione di agenti patogeni, batterici, in grado di causare malattie come la bronchite, la polmonite, la broncopolmonite, le otiti e sinusiti. Queste complicazione colpiscono frequentemente tutte quei individui, che soffrono di malattie croniche, come asma e diabete, o malattie cardiovascolari. Inoltre anziani e bambini sono particolarmente soggetti, quindi curare i primi sintomi influenzali diventa di fondamentale importanza.

Influenza rimedi naturali

Se vuoi curarare l'influenza attraverso dei rimedi naturali  sappi che è possibile, tuttavia è importante applicare delle piccole regole preventive, ricordati che i sintomi influenzali possono essere combattuti attraverso uno stato preventivo, che prevede principalmente una dieta sana ed equilibrata, capace di relegare al organismo tutti i macronutrienti e micronutrienti come le vitamine in particolare la vitamina C.

Se ti stai chiedendo quali sono i migliori rimedi naturali, che vengono utilizzati maggiormente prevenire e combattere l’influenza (e moltissime altre patologie) troviamo l’uso di bevande a base di aloe vera. La bevanda di aloe è in grado di fortificare il sistema immunitario. Altre bevande in grado di ridurre la possibilità di prendere l’influenza sono le tisane, che contengano una buona percentuale di timo. Le tisane possono essere dolcificate con il miele un potente antinfiammatorio. Inoltre l’assunzione quotidiana di tisane si aumenta l’acqua ingerita. L’acqua contribuisce ad espellere il virus influenzale oltre che le tossine. L’acqua minerale è in grado di reintegrare numerosi micronutrienti, come il magnesio, ed il potassio, elementi fondamentali per riequilibrare una corretta omeostasi del corpo specialmente in età critiche, ecco perché nonostante che durante il periodo influenzale si verifica una assenza di voglia di sete, gli specialisti consigliano di aumentare la quota di acqua da bere in un giorno fino a 2,5 lt al giorno. 

Se stai cercando un alleato infallibile per combattere e pervenire i sintomi del influenza puoi fare affidamento sugli oli essenziali. In particolare quello di limone! In modo particolare se utilizzi l’olio essenziale (di limone) nel brucia essenze riponendo 4-5 gocce, otterrai un effetto disinfettante in grado di purificare gli ambienti. Infine puoi utilizzare l’olio essenziale di limone durante la detersione, attraverso un bagno caldo. Al olio essenziale di limone si aggiungono anche altre tipologie di oli essenziali. L’olio di eucalipto e di timo, sono tra i più utilizzati, infatti sono oli capaci di espletare i muchi attraverso i suffumigi. Se invece i sintomi influenzali ti colpiscono attraverso dolori che colpiscono inmodo particolare l’apparto scheletrico causando delle fastidiosi infiammazioni è puoi utilizzare delle creme lenitive idratanti e calmati a base di aloe e calendula. 

Note sull'autore: Anywaybio

Anywaybio non è solo un e-commerce di prodotti biologici, ma è anche il voler approfondire insieme a tutti voi,  tematiche attauali come lo sport, alimentazione e cosmesi! 

Tutte le informazioni presenti su Anywaybio.com hanno solo ed esclusivamente uno scopo puramente informativo. In nessun caso Anywaybio vuole sostituirsi alla visita specialista, anzi ne promuove e ne consiglia sempre una. L’utilizzo di tutte le informazioni presenti su Anywaybio, è sotto la responsabilità ed il controllo unico dell’utente. Il sito non è responsabile del contenuto e delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali Anywaybio.com può rimandare attraverso un link.

Company

  • Anywaybio di Castaldi Giuseppe
  • Via Peschiera, 4 80075 Forio
  • P.IVA. 08571781213
  • C.F. CSTGPP84P19E329N

I nostri Partner

About

  • Newsletter
  • Spedizioni Tempi e Costi
  • Chi Siamo
  • Informativa privacy
  • Termini di contratto
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Catalogo