Come abbassare la pressione sanguigna

Come abbassare la pressione sanguinga? Se ti stai ponendo questa semplice ma  fondamentale domanda sappi che non coinvolge solo te, ma ben 10 milioni di persone in Italia e solo ¼ della  popolazione è in grado di mantenere la pressione sotto controllo.

Tecnicamente la pressione sanguigna è conosciuta come ipertensione. Attraverso il termine ipertensione, si intende un aumento permanente al di sopra dei valori normali, del flusso con la quale il sangue viene spinto nei vasi sanguigni e nelle arterie,  attraverso un aumento permanente, al disopra dei valori normali. Questi valori se pur soggettivi sono misurati da due valori, quella bassa di bassa pressione, misurata quando il cuore è rilassato, ovvero tra un battito e l’altro, e quella alta pressione, misurata durante la contrazione del cuore (durante il battito). Se pur indicativamente, per ogni persona, questi valori sono definiti attraverso un rage di minimo e di massimo. Per una pressione minima accettabile è bene non superare i 90mmHg, mentre per la pressione massima è bene non superare mai i 140mmgHg.

I fattori che possono incidere al suo innalzamento possono essere di diversa natura, anche se nel 95% dei casi si tratta di un problema indipendente conosciuto meglio come ipertensione di tipo essenziale che non deriva da altre condizioni patologiche, ed è di forma idiopatica, cioè non se ne conoscono le cause specifiche che la causano. Solo più raramente si può essere colpiti altre tipologie di ipertensioni, conosciute come ipertensioni secondari, che devono la loro insorgenza a malattie del cuore o dei reni. L’ipertensione essenziale è verosimilmente causata da fattori genetici/familiarità, sovrappeso da una cattiva alimentazione, causata da una vita sedentaria, da abuso di alcol e stress, oltre ovviamente ad un fattore derivante dall’età. La massima attenzione deve essere riposta su un individuo che soffre di un’ipertensione di grave entità, in quanto può provocare significativi rischi cardio cerebro vascolari, specialmente se aggiunti ad altri fattori di rischio come il fumo, il sovrappeso, ed il diabete. Per poter abbassare la pressione è importante intervenire contemporaneamente su più fronti, cercando se possibile di rimuovere l’agente scatenante primario, ed eventualmente insieme al proprio medico ricorrere ad una terapia farmacologica. In ambedue le situazioni è fondamentale ridurre il rischio cardiovascolare complessivo intervenendo sui fattori di rischio collaterali, migliorando principalmente la dieta e il proprio stile di vita.

Sintomi della pressione alta

Se ti stai chiedendo quali sono i che provoca la pressione alta sappi che  sono pressoché nulli, trattandosi di una patologia asintomatica. Sfortunatamente non generano tipologia di disturbo né agli esordi, né durante, fino a quando il nostro organismo non subisce delle importanti complicanze. 

Trattandosi di una patologia asintomatica, spesso si viene a conoscenza di ciò solo attraverso dei controlli di routine, o attraverso delle analisi di natura diversa. A complicare tutto ciò, i danni provocati da uno stato di ipertensione sfociano solo a differenza di qualche anno, con una severità correlata all’entità dell’eccesso pressorio.  Quando nei rari casi che la pressione alta da segni, viene definita come crisi ipertensiva. Ciò consiste in un innalzamento brusco ed eccessivo della pressione arteriosa, seguito generalmente da una serie di disturbi come il mal di testa improvviso, sudorazione fredda, senso d’ansia opprimente,  e sangue nel naso. In questi casi l’immediato intervento del medico è di fondamentale importanza, in quanto si possono generare gravi complicazioni, che possono provocare la morte. Le complicazioni più comuni di una crisi ipertensiva, troviamo dalla perdita di coscienza, al edema polmonare fino all’ictus, passando alla dissecazione aortica.

Alimenti per abbassare la pressione

Ecco che se soffri di pressione alta, il nostro primo suggerimento è quello di rivolgerti ad un medico nutrizionista. Ti aiuterà prescrivendoti una dieta composta da cibi che abbassano la pressione,  e se consumati nelle corrette quantità, favoriscono la riduzione del peso corporeo in caso di sovrappeso, o il mantenimento del normopeso.

Le diete che generalmente sono prescritte e seguite hanno un basso contenuto di sodio, e sono poverissime di alimenti conservati, ( sia salati, immersi in salamoia, cotti in acqua e sale o con aggiunta di sodio/glutammato di sodio. Quindi come prima scelta puoi iniziare ad eliminare il sale, o quanto meno ridurlo o meglio sostituendolo con il sale rosa dell’himalaya, che a differenza del classico sale da cucina, ha un basso contenuto di sodio.  In alternativa potresti preferire di condire (scelta consigliata) i tuoi cibi con le erbe e con le spezie aromatiche, cardamomo e zenzero si distinguo per i propri benefici. Queste diete sono ricche di cibi come ortaggi, frutta fresca, cereali non raffinati, di pesce azzurro ricco di omega 3 in grado di favorire la formazione di colesterolo buono capace di preservare le vene arteriose,  e poverissime di carni grasse, insaccati, formaggi grassi e stagionati, alimenti dolcificati con saccarosio, glucosio e fruttosio quando in eccesso. E se proprio non riesci, ad abbassare la pressione arteriosa, utilizza nella tua dieta  tutti quei rimedi naturali che contribuiscono a migliorare il tuo stato di salute.

Tra i cibi che abbassano la pressione, ed in grado di aiutarti si distinguo, il kardadè, il caffè verde, l’aglio,l biancospino, il tiglio e uncaria tomentosa.

Integratori alimentari per abbassare la pressione 

Alcuni integratori alimentari sono in grado di ridurre la pressione sanguigna, diminuendo il rischio di ipertensione, il loro utilizzo oltre ad essere prescritto da un medico deve essere associato ad una corretta alimentazione ed ad una giusta quantità di attività sportiva. Generalmente questi prodotti non sono consigliati a chi presenta dei valori di pressione normali, o a chi segue una cura farmacologica sufficiente a compensare l’eventuale forma ipertensiva. Le principali categorie di integratori utilizzati per abbassare la pressione derivano da estratti vegetali e sono diuretici, in grado di promuovere la filtrazione renale. Ananas, betulla, carciofo foglie di nocie cipolle e fiocchi sono in grado di aiutare notevolmente il nostro organismo, specie se combinati ottenendo infusi e tisane. 

Note sull'autore: Anywaybio

Anywaybio non è solo un e-commerce di prodotti biologici, ma è anche il voler approfondire insieme a tutti voi,  tematiche attauali come lo sport, alimentazione e cosmesi! 

Tutte le informazioni presenti su Anywaybio.com hanno solo ed esclusivamente uno scopo puramente informativo. In nessun caso Anywaybio vuole sostituirsi alla visita specialista, anzi ne promuove e ne consiglia sempre una. L’utilizzo di tutte le informazioni presenti su Anywaybio, è sotto la responsabilità ed il controllo unico dell’utente. Il sito non è responsabile del contenuto e delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali Anywaybio.com può rimandare attraverso un link.

Company

  • Anywaybio di Castaldi Giuseppe
  • Via Peschiera, 4 80075 Forio
  • P.IVA. 08571781213
  • C.F. CSTGPP84P19E329N

I nostri Partner

About

  • Newsletter
  • Spedizioni Tempi e Costi
  • Chi Siamo
  • Informativa privacy
  • Termini di contratto
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Catalogo